comportamento del gatto, Salute del gatto

Quando il gatto lecca il pavimento

Cerchiamo di capire di cosa si tratta e cosa fare quando troviamo il nostro gatto a leccare il pavimento.

Cat_sitter_milano_gatto__lecca_pavimento

Perché il gatto lecca il pavimento?

Un comportamento anomalo nel gatto può essere quello di leccare il pavimento, che sia in mattonato o in cemento armato la questione non cambia. Non deve destare problemi se scovate il vostro gatto a tastare con la lingua il pavimento laddove un momento prima era caduto del cibo. Ma se improvvisamente vedete leccare ossessivamente il pavimento, ecco che deve scattare il campanello d’allarme.

Cosa accade al gatto che lecca il pavimento?

cat_sitter_milano_gatto_lecca_pavimento

Un gatto che ha questo comportamento è probabile abbia una carenza vitaminica o minerale. Tuttavia se siete sicuri che il micio mangi alimenti bilanciati e completi non dovrebbe succedere, a meno che non sia un periodo nel quale il gatto mangia pochissimo o è anoressico. Se si esclude la prima ipotesi, la seconda causa potrebbe derivare da un problema metabolico o ormonale. Questo accade ai gatti con insufficienza renale, problemi epatici, pica provocata da mancanza di ferro a sua volta provocata da altre malattie e via dicendo.

Terza causa da tenere in considerazione è la possibile presenza di problemi comportamentali. Stiamo parlando di stereotipia, ansia, stress o anche forme di sostituzione possono giustificare anomalie simili del comportamento.

Cosa fare in questi casi?

La cosa migliore da fare è portarlo dal veterinario e spiegargli la situazione. Il veterinario con molta probabilità vi segnerà un percorso diagnostico da seguire per escludere problemi metabolici o ormonali che possano giustificare un simile comportamento: insufficienza renale, problemi epatici, ipertiroidismo. Gli esami da fare sono solitamente esami del sangue completi, esame delle urine, esame delle feci e ecografia addominale. Nel caso ci siano altri sintomi che fanno sospettare un problema centrale, potrebbe anche essere chiesto un consulto con un veterinario neurologo.

Se lo stato di salute fisico del gatto risulterà a posto, allora si può valutare di far visitare il gatto da un veterinario comportamentalista. In questo caso la terapia sarà rieducativo-cognitiva mirata a risolvere il problema.


Contatta la tua Cat Sitter a Milano
Compila questo form per metterti in contatto con me e dare al tuo gatto tutta la compagnia e le attenzioni che merita. Ti risponderò entro 24 ore. Tutti i campi con * sono obbligatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *